Pensiero

I colori, le forme, le luci, le loro assenze e i materiali coinvolgono ogni attimo della nostra vita.

 

Diviene una presenza che influisce il nostro umore, anche se in modo impercettibile, Ne siamo circondati.

A volte scegliamo di lasciarci toccare da questo loro potere, decidendo gli abiti, l’arredamento, l’illuminazione, gli oggetti di ogni giorno...

A volte capita addosso una strana nostalgia o un’euforia che non ti spieghi ma, se presti un momento d’attenzione, tante cose si svelano.

 

Allora non è più una perdita di tempo soffermarsi a carpire l’emozione di punti luminosi nella notte calma, o il rapido sfrecciare di un lampo; la nuvola inquietante e pesante d’acqua o il dolce tremolare delle foglie.

La gioia di un fiore o il profumo di un frutto colto, tastato, lucidato prima dell’assaggio.

La serenità di un viso di una persona cara addormentata, o la concentrazione che si legge in una persona che ama fare il suo lavoro.

La furia della vivacità di un torrente di montagna o il calmo ondeggiare di un’alga a pelo d’acqua.

Il puntualissimo spuntare del sole o il suo ultimo colorato saluto al tramonto.

Si determinano i nostri stati d’animo cogliendo, consapevoli, questi segnali.

 

Le arti hanno questo compito: farsi tramite, interpretare con il riordinare note che arrivano nella parte più remota della persona; le sculture con il rendere tangibile e visibile; la pittura con il segno e il colore che coglie la parte più essenziale del messaggio.